Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Il MIUR, con la nota n. 4541 del 27 aprile 2016, ha fornito agli Uffici scolastici regionali indicazioni in merito allo svolgimento delle attività e del monitoraggio previsti dal DM n. 435/15 secondo le specifiche formalizzate nel DD n. 1250 del 20 novembre 2015 ( MIUR - Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione ) e relative ai CPIA ricostituendo il Gruppo di Lavoro Nazionale PAIDEIA (Piano di Attività per l'Innovazione Dell'Istruzione degli Adulti)

Il gruppo di lavoro nazionale si è riunito il 12 aprile 2016, sotto la guida del DS Sebastiano Amelio, ha elaborato delle indicazioni operative per:

  • lo svolgimento delle azioni di sostegno e accompagnamento dei CPIA da parte degli UU.SS.RR.;
  • lo svolgimento delle azioni e degli interventi da parte dei CPIA;
  • la realizzazione del monitoraggio di cui all'articolo 26 comma 6 del DM 435/15.

Il Piano di Attività per l'Innovazione Dell'Istruzione degli Adulti ha come scopo, tra l'altro, "il supporto alla realizzazione di "prodotti" finalizzati alla promozione e all'offerta formativa dei CPIA. Il piano è stato concretamente avviato a seguito dell'incontro svoltosi presso il MIUR il 12 aprile 2016, in cui si chiedeva di costituire Gruppo di Lavoro Regionale (GLR) al fine della realizzazione delle iniziative di cui alle indicazioni operative per lo svolgimento delle Attività" e del "Monitoraggio" previste all'Art.26 del DM 435/15.

Ai sensi della normativa citata in premessa e per le finalità ivi indicate, il Gruppo di Lavoro Regionale PAIDEIA è stato costituito nella composizione e nei compiti con Decreto del Direttore Generale dell'USR Calabria n.7845 del 10 maggio 2016.

Il gruppo di lavoro regionale ha il compito di fornire contributi e approfondimenti per lo svolgimento:

  • Delle attività di cui all'art. 26 del DM 435/2015 e ai sensi dell'art. 2 del decreto 1250/2015
  • Delle iniziative che potranno essere attivate nell'ambito della programmazione comunitaria con particolare riferimento alla realizzazione di prodotti afferenti agli ambiti esplicitati nelle indicazioni operative e delle attività e interventi da parte dei CPIA